Aula linguistica

Il valore pedagogico del laboratorio

I laboratori linguistici, sono elementi che aiutano l’apprendimento di una materia, a partire dai 3 anni di età.

Sono un aiuto per gli studenti e per i docenti: permettono di amplificare le capacità di ogni professionista nel poter comunicare a più persone.

L’utilizzo della tecnologia negli ambienti di studio, inoltre, riduce il divario tra studenti e scuola, invogliando l’alunno ad assimilare nozioni con una metodica più consona al modo in cui si rapporta ora alla cultura: attraverso i dispositivi elettronici.

Con i laboratori linguistici, l’alunno, già dalla classe prima, viene favorito nello sviluppo della padronanza della lingua, attraverso uno stimolo diretto ed efficace al confronto, alla collaborazione e al colloquio.

Il modello della didattica dei laboratori, si ritrova soprattutto nella pedagogia di Dewey e Kilpatrick, sulla quale si basa il metodo Montessori:

  • Secondo Dewey, la pedagogia deve focalizzarsi nel metodo e abbandonare le nozioni fini a sé stesse, permettendo all’alunno di sviluppare capacità critiche. Le nozioni, quindi, vengono apprese facendo: il bambino è il protagonista attivo del processo educativo e non il ricevente passivo della nozione. La comprensione dei concetti avviene attraverso l’azione e la percezione del mondo.
  • Secondo Kilpatrick, la società può essere trasformata attraverso una riforma dell’attività didattica convenzionale. Lo scopo dell’educazione è di curare lo sviluppo intellettuale della persona tramite le relazioni con gli altri.

La scuola, deve essere fondata su principi di libertà, autonomia morale e rapporto biunivoco tra insegnamento e apprendimento. Il metodo più corretto, quindi, è quello del problem solving, ossia la ricerca autonoma di una soluzione ad alcuni problemi, così da arricchire le proprie conoscenze attraverso la ricerca di altri collegamenti.

Nessun commento

Posta un commento